Spese nella compravendita

A spese dell’acquirente

Atto di Compravendita

  • Prezzo d’acquisto
  • Compensi di Agenzia
  • Registrazione del preliminare (0,50% sulla caparra confirmatoria e 3% sugli anticipi di pagamento),   oltre tassa fissa di € 200 e bolli sul contratto da € 16 ogni 100 righe
  • Parcella notarile: compravendita – trascrizione – diritti – bolli
  • Imposte di registro, ipotecarie e catastali o Iva
  • Commissioni d’agenzia

In caso di Mutuo                                         

  • Parcella notarile Mutuo – Visure e relazione – Iscrizione – Bolli
  • Spese bancarie: Istruttoria – Perizia di stima – Assicurazione
  • Imposta Sostitutiva 0,25% dell’importo per mutuo acquisto – 2% per mutui liquidità
  • Assistenza al Mutuo 0,75% su erogato, ove richiesta all’Agenzia

Note                                      

– La Perizia viene liquidata di prassi direttamente alla Banca
– Le residue spese bancarie vengono detratte dall’importo erogato

A carico del venditore

  • Commissioni di Agenzia
  • Trascrizioni di accettazione tacita di eredità in caso di provenienze per successione 
  • Polizza donativa per provenienze da donazione (se richiesta)
  • Imposte sulla plusvalenza di valore derivante da:

– Vendita di terreni edificabili o rivendita di terreni agricoli prima di cinque anni dall’acquisto

– Rivendita di immobili prima di cinque anni dall’acquisto, a meno che non siano stati utilizzati per abitazione principale per almeno la metà del tempo intercorso                                

– Differenza tra prezzo di cessione e valore contabile del bene, in caso di ditte o società                                         

­Nota

L’Imposta sostitutiva per le plusvalenze può essere versata dal notaio ed è pari al 20% della plusvalenza stessa.                       

Per le sole cessioni di terreni edificabili, la plusvalenza va inserita nella dichiarazione dei redditi, poiché non ci si può avvalere del versamento dell’imposta sostitutiva.